.
Annunci online

  Biologia [ un po' alternativa ]
         

ATTENZIONE, IL BLOG SI E'
TRASFERITO su http://biologiribelli.blogspot.com
Tuttavia la vecchia versione
rimarrà online, completa e funzionale,
anche se non verranno aggiornati i post.

"La scienza è una grande conquista dell'Umanità. Basta non prenderla troppo sul serio" Pietro Croce

Questo è il blog di una biologa un po' ribelle
dove si discutono vari argomenti quali scienze bio-mediche,
ambiente, ecologia, ecc. Lo scopo di questo blog, curato da diversi laureati in scienze bio-mediche, è dare voce a tutte le informazioni scientifiche che non sono oggetto di particolare simpatia da parte dei media o che semplicemente sono rimaste nell'ombra perchè travolte dai luoghi comuni e dai pregiudizi. L'approccio è rigorosamente scientifico ma il buon senso, l'intuito e la creatività non se ne vanno in ferie come accade purtroppo sempre più spesso nel mondo della scienza, ma vengono integrati: la mente non deve lavorare senza il cuore.

Image Hosted by ImageShack.us Blog Vegetariano BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Notizie da
AgireOra:

www.agireora.org

misterlink.net

ItaliaPuntoNet - La tua pagina iniziale

Aumenta il Pagerank del tuo sito


  Scienza Segnalato da AndromedaNew


24 agosto 2007

Disinfezione delle acque. E' davvero così necessaria?


Nemmeno l’acqua che beviamo si salva dalle manie esasperate di igiene dei nostri tempi: prima di arrivare alle nostre case subisce molti processi, tra i quali quello di disinfezione.  Il disinfettante più utilizzato è il cloro, sotto forma di ipoclorito sodico, seguito dal biossido di cloro.  E' abbastanza diffuso l'utilizzo del cloro gassoso. Tutti i disinfettanti chimici causano la formazione di sottoprodotti di disinfezione (disinfection by-products). Quando il cloro è usato come disinfettante, si possono formare centinaia di sottoprodotti di disinfezione. La composizione dell'acqua determina i tipi di sottoprodotti di disinfezione che si formano. Trialometani, acidi acetici alogenici (HAA), acetonitrili (HAN), alo-aldeidi e alochetoni, furanone, clorite… sono soltanto alcuni dei composti chimici che beviamo assieme all’acqua “potabile” di casa nostra. Superfluo dire che nella migliore delle ipotesi causano danni epatici e renali, nella peggiore sono cancerogeni e mutageni.

Riguardo alla formazione dei sottoprodotti di disinfezione, la Commissione Europea della UE afferma che : "Il rischio diretto e immediato per la salute e per la vita provocato dalla presenza nelle acque di microrganismi patogeni rende impensabile l’abbandono del processo di disinfezione. I valori parametrici proposti per i sottoprodotti di disinfezione non possono essere pertanto così restrittivi da compromettere la possibilità del processo di disinfezione".

In parole povere chissenefrega se i sottoprodotti di disinfezione causano il cancro e chissà quali altre patologie a lungo termine (tanto è tutto da dimostrare), chissenefrega se il cloro corrode le tubature e vengono rilasciati metalli pesanti, l’importante è che nell’acqua non ci sia nulla di vivente, o quasi.

Cosa può esserci nell’acqua? Di tutto. Vale a dire: clostridi, Escherichia coli, Stafilococco aureus, Shigelle, Streptococco fecale, Yersinia, Salmonelle, Campilobatteri, Enterovirus, Legionella pneumophila, Pseudomonas, Leptospira, Vibrione del colera, Mycobacterium, Francisella tularensis, Attinomiceti, Aeromonas hydrophila, Protozoi vari, Elminti, Alghe…

Mah… sarà… non dico di no.

Permettetemi però di raccontare la  mia esperienza: ho vissuto in campagna, tutti bevevano l’acqua dalle pozze e dai ruscelli, senza alcun disinfettante e nessuna bollitura eppure eravamo tutti sani. I miei nonni e quelli dei miei amici hanno vissuto fino a novanta, cento anni, e non hanno mai bevuto acqua disinfettata in vita loro, anzi. Se qualcuno aveva acciacchi, la causa non era certo attribuibile alle malattie trasmesse attraverso l’acqua. E tutte quelle creaturine che fanno tanta paura (Salmonelle, Shigelle & company)? Ci sono sempre state. Una “cacarella” poteva capitare ma del resto a chi non è mai capitato? Sono sicura che anche gli igienisti con la loro acqua super-disinfettata l’hanno avuta. Ora non dico di bere dalla fogna di Calcutta e nemmeno di rinunciare alla filtrazione e ad altri metodi innocui di  trattamento ma dire che è impossibile pensare di addizionare disinfettanti alle acque perché ciò costituirebbe un rischio diretto ed immediato per la vita (addirittura!) mi sembra un po’ eccessivo e mi sa tanto da presa in giro, anche perché per quanto riguarda cloro, metalli pesanti e by-products, gli effetti non sono immediati ma non per questo meno pericolosi, anzi.

E intanto aumenta il business delle acque imbottigliate...




17 maggio 2007

post antiigienico n. 1: neonati e bimbi asettici

Ecco una classica esagerazione dell'igiene: disinfettare fino all'esasperazione i neonati, i bambini e tutto ciò che ha a che vedere con loro. Biberon, tettarelle, giocattoli, succhiotti, tutto deve passare attraverso processi di bollitura, sterilizzazione chimica e chi più ne ha più ne metta, per alleviare il terrore (imposto ahimè dai mass media e talvolta hai haimèèèè dai pediatri stessi!) di chissà quali pericolosissimi germi.
Porcaccia la miseria, ma basterà un semplice lavaggio con acqua corrente e un po' di sapone? ma cosa volete che succeda?
Se il bambino viene allattato al seno ha tutti gli anticorpi necessari per affrontare la maggior parte delle infezioni comuni.  Essere neonati non è una malattia! E poi pazienza i neonati...
I bambini d'oggi vivono in un ambiente asettico, mai visto un bosco, mai messa in bocca una manciata di terra, mai bevuto del latte di mucca appena munto. I bambini non conoscono l'odore del fieno, non appena istintivamente abbracciano Fido (che ovviamente li slinguazza) ecco che si levano le urla isteriche dei genitori "che skifooooooo!!!! è anti-igienico!" e subito si impedisce al bambino di avere il minimo contatto con qualcosa di troppo naturale, troppo vivo.
E poi vengon fuori le allergie: agli acari, alla forfora del gatto, al polline x, all'erba y, ai pomodori, al veleno delle formiche. Ogni giorno ci ingurgitiamo una media di 70 tipi di additivi diversi e in città respiriamo mille schifezze, però se ci punge una formichina rischiamo la pelle. E' anti-igienico che i bambini giochino in un ambiente non disinfettato (dove magari c'è addirittura qualche insetto), se però nello stesso posto ci sono tonnellate di pesticidi e disinfettanti (che però sono presìdi medico-chirurgici, eh?) , allora va bene, l'importante è che non ci siano animaletti striscianti.
Con quale criterio, io dovrei preferire che mio figlio si cacci in bocca un disinfettante chimico derivato dalla formaldeide, piuttosto che una formica o uno scarafaggio, non si sa...
mah! misteri dell'igiene.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. neonato sterilizzazione igiene bambini allergie

permalink | inviato da il 17/5/2007 alle 2:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



14 maggio 2007

Igiene scatenata dei nostri tempi

Il concetto di igiene (dal greco sano, salutare, curativo) nella nostra società è davvero bislacco e da buona abitudine sta diventando una mania. L’igiene è una fesseria, è una cagata pazzesca, proprio come la korazzata Kotionkin di Fantozzi!

Ovviamente non si parla delle basilari norme di igiene dettate dal buon senso ma di quelle cose che non hanno alcun senso se non quello di farci acquistare sempre più prodotti e di arricchire le aziende varie.

Mi capita spesso di incappare in situazioni in cui mi tocca aver a che fare con tali fissazioni iper-igieniche-asettiche ma ahimè non si tratta di persone seguite dallo psicologo perchè affette da ossessioni  di contaminazione, si tratta di abitudini comuni, spesso imposte da leggi severissime, si tratta dei fondamenti della disciplina dell’ igiene dei nostri tempi! Dedico la rubrica "igiene" principalmente ai casi a mio parere scandalosi a dimostrazione dell’assurdità (in certi casi pericolo) di certe misure igienico-sanitarie che se non fossero mai esistite sarebbe stato molto meglio per tutti.

Eh sì perchè pochi realmente sanno che l’igiene (intesa come esagerazione) è la principale causa delle stesse malattie che vorrebbe prevenire e di tanti altri problemi quali allergie, intolleranze, malattie autoimmuni. Lo dice Manuela la biologa pazzoide? Ecchissenefrega direte.  No, lo afferma la letteratura scientifica.

 

Articolo1       Articolo 2


Ma quali sarebbero queste esagerazioni? avrete il piacere di scoprirlo, se mi leggerete, nei prossimi post anti-igienici! :)



sfoglia     maggio       
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom